Perché il Feedback 360° non funziona?

Il feedback 360° è un’analisi basata sulla valutazione delle competenze della persona con l’obiettivo di individuare i punti di forza e le aree di sviluppo rispetto al ruolo ricoperto. Si tratta di una modalità di valutazione multi-level volta a raccogliere, in forma strutturata, i feedback che diversi soggetti (superiori, colleghi, subordinati) danno ad una persona rispetto a competenze chiave per l’azienda.

Perché adottare un feedback 360 in azienda

  • per avere una valutazione più neutrale ed oggettiva delle persone
  • per ampliare il coinvolgimento e il dialogo sulle core competence aziendali
  • per favorire un processo di comunicazione efficace e costruttivo
  • per agevolare il processo di auto-apprendimento e di miglioramento continuo

Se correttamente implementato, il feedback 360° può essere un valido strumento di crescita per i singoli individui e di miglioramento della performance complessiva dell’organizzazione.

Eppure, nonostante i possibili benefici dell’analisi Feedback 360°, sono ancora molte le aziende che non utilizzano questo strumento in modo efficace, scopriamo perché!

Fattori che possono limitare l’efficacia del Feedback 360°

1 – Poco tempo a disposizione per effettuare i feedback
Molti manager si oppongono all’implementazione di un programma di feedback 360° perché sostengono di non avere abbastanza tempo per questa attività a causa dei pressanti ritmi del contesto aziendale.

2 – Processo non sempre delineato
Inserire un nuovo progetto, si sa, richiede un processo strutturato, ma quali sono gli obiettivi che ci si pone con l’analisi a 360°? Non è sempre chiaro quali siano le competenze e i comportamenti chiave da mappare per raggiungere gli obiettivi aziendali.

3 – Mancanza di un tool di valutazione efficace
La scelta del giusto strumento di valutazione è un altro elemento fondamentale nel processo di analisi 360. Non sempre le aziende si avvalgono di strumenti efficaci. Ad esempio, quando si consente ai collaboratori di conoscere chi ha detto cosa, il feedback potrebbe risultare poco veritiero, oppure ancora, quando lo strumento non è personalizzabile in base alle esigenze specifiche, i risultati di questo potrebbero risultare fuorvianti.

4 – Competenze inadeguate dei valutatori
Un feedback può essere un’opportunità di crescita ma è importante che chi lo effettua abbia le competenze giuste per farlo e spesso non c’è un’adeguata preparazione dei valutatori.

Lo smartbook sul Feedback 360 firmato GNV Group

In GNV Group crediamo fortemente nelle potenzialità e nei benefici che quest’analisi può apportare sia alle aziende che ai singoli individui e quindi, abbiamo lavorato per superare questi limiti.

Vuoi approfondire la conoscenza del feedback 360 e conoscere meglio tutte le fasi del processo di implementazione di questo sistema in azienda?

Scarica il nostro smartbook.