Rientro ferie

In ufficio dopo le vacanze: come superare il trauma post rientro

Non è semplice rientrare dalle vacanze e doversi nuovamente adattare a quello che è il contesto lavorativo frenetico, dinamico, abitudinario e talvolta noioso.
Il solo pensiero di riaccendere il pc, leggere le email accumulate, riprendere con le immancabili sveglie, ci fa salire l’ansia.
Come fare, allora, per avere un rientro più “soft”, caratterizzato da positività e voglia di fare?
Ecco di seguito alcuni spunti utili.

  1. Accettiamo l’idea di essere tornati.
    Sembrerà una ovvietà, ma le vacanze sono finite, ed è giusto prenderne coscienza e riprendere in mano il proprio dovere.
    “Agitare le tue ali in una gabbia immaginaria non è salutare. L’unica gabbia che hai è quella della tua mente e resistere, combattere contro il luogo in cui ti trovi ti fa solo sentire peggio. È solo accettando ciò che ti circonda che puoi trarne beneficio. Smettila di agitarti e ributtati nel gioco.” 
  2. Ricerchiamo la positività.
    Non è detto che per stare bene bisogna necessariamente essere in vacanza. Se si ricerca il divertimento anche sul posto di lavoro ridendo con i colleghi, creando con nuovi progetti, lasciandosi coinvolgere in attività, le giornate passeranno in maniera più piacevole e leggera.
  3. Non cancelliamo le vacanze passate.
    Va bene non restare disperatamente aggrappati a ciò che è stato, ma i contatti trovati o ripresi durante le vacanze sono sempre preziosi, perché possono sorprenderci alleggerendo anche i momenti più difficili. Facciamo in modo che il “restiamo in contatto” detto a fine vacanza rimanga valido. Non può che farci bene!
  4. Sistemiamo la scrivania.
    La postazione di lavoro deve essere un luogo accogliente, soprattutto in un momento complicato di ripresa
    . Quindi facciamo piazza pulita di vecchi appunti, documenti che non servono più e cianfrusaglie varie abbandonate lì per la fretta di partire qualche settimana prima. È certamente un fattore che agevolerà il nostro rientro.
  5. Ricordiamo come siamo stati in vacanza.
    Più distesi, rilassati e ben disposti verso gli altri (o almeno nella maggior parte dei casi). Cerchiamo di mantenerci così il più possibile, sarà un modo per tenere equilibrati anima, corpo e rapporti con chi ci circonda.
  6. Proviamo il brivido del cambiamento.
    Ci preoccupa la routine? Allora cerchiamo di evitarla nella vita di tutti i giorni. Variamo la nostra colazione, svegliamoci un po’ prima per fare attività fisica, facciamo una strada diversa per arrivare in ufficio, prendiamo un caffè con i colleghi prima di sederci alla scrivania.

Insomma, prendiamola in maniera positiva: alla fine le vacanze non finiscono mai davvero, fanno dei giri immensi e poi ritornano!

Chiara Stefanelli

Laureata in Scienze della Comunicazione con un Master in Comunicazione per le Relazioni Internazionali. Dal 2014 lavora in GNV Group e si occupa di Comunicazione e Marketing.
Chiara Stefanelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *